Sempre nel rispetto della propria maniera di esprimere la vita e l’arte, Izabel si è perfezionata in acquarelli, pastelli, acrilico e puntinismo.

Il Puntinismo (denominato anche divisionismo), è una tecnica di pittura che muove dal movimento impressionista, in cui piccole macchie o punti di colore provocano, con la loro vicinanza, una mistura ottica negli occhi dell’osservatore (immagine). Questa tecnica si bassa sulla legge dei colori complementari, progresso scientifico  a cui ha dato impulso nel XIX secolo il chimico  Michel Chevreul. Si tratta di una conseguenza esterna dei supposti insegnamenti degli impressionisti, secondo i quali i colori dovrebbero essere avvicinati e non mescolati tra loro, lasciando alla retina il compito di ricostruire il tono desiderato dal pittore, combinando le diverse impressioni registrate.

 

La tecnica di impiego di punti colorati avvicinati può anche essere considerata il culmine del dispresso degli impressionisti per le linee, giacché essa è solamente un’astrazione dell’uomo per rappresentare la natura.
 

Questa tecnica è stata sviluppata in Francia, con grande impulso da parte di Georges Seurat e Paul Signac, alla fine del XIX secolo.
 

Fonte: Wikipedia

La sensazione  e l’azione dell’Artista che lo realizza:

 

"Il puntinismo ci da l’opportunità di liberarci di innumerevoli tecniche esistenti e di  sentire l’effetto immediato dei colori su di un foglio completamente bianco, formando vari disegni attraverso contrasti. Io, particolarmente, sono affascinata dal puntinismo e mi dedico a questa tecnica dal 2004, nonostante la conosca fin dal 1978, nella Scuola Panamericana d’Arte.
 

Quando mi propongo di fare lavori con il puntinismo, cerco di fare alcuni intervalli con altre tecniche (es. pastello , acquarello e acrilico) in modo da evitare un po’ delle possibili lesioni che vengono dal movimento ripetitivo. Tuttavia, quando sono coinvolta da un lavoro di puntinismo, mi viene voglia di andare avanti fino ad averlo finito, perché mi sembra di immergermi in un mondo totalmente magico. Ai nostri tanti maestri che con il loro coraggio ci hanno donato altre forme di  esprimere l’arte che proviene dall’anima, va il mio ringraziamento e la mia profonda ammirazione."
 

Izabel Litieri

© 2018 - Izabel Litieri - icclitieri@terra.com.br